Lo spolvero

Spolvero. L’operazione del riporto del disegno in scala 1:1 su una nuova superficie utilizzando un foglio di cartone o carta bucherellato lungo le linee di un disegno.

La tecnica prevede che il foglio venga appoggiato sulla superficie e che quindi si batta con un sacchetto contenente polvere di carbone (o un pigmento colorato) lungo il contorno bucherellato del disegno stesso: l’impronta dell’originale viene così riportata sulla nuova superficie grazie al passaggio della polvere o del pigmento dai fori.

Già Cennino Cennini (fine sec. XIV) parla di “spolverare” in relazione alla pittura su tavola, mentre Filippo Baldinucci (1681) così definisce la voce spolverizzare: “Vale ricavar collo spolvero, che è un foglio bucherellato con ispilletto,, nel quale è il disegno, che si ricava, facendo per que’ buchi passarvi polvere di carbone o di gesso legate in un cencio, che si chiama lo spolverizzo”.

Giacinto Carena (1853) lo descrive come “un bottone o sacchetto di pannolino fino e rado, in cui è legata polvere di cartone, o di gesso, o altra, a uso di spolverizzare, picchiando leggermente, o strofinando i bucolini dello spolvero. Gli artisti Fiorentini lo chiamano anche brevemente il bottone quando il contesto del discorso escluda ogni equivoco

Francese: Poncif  – Inglese: Pouncing – Spagnolo: Estarcido – Tedesco: Lochpause.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solo commenti e osservazioni

Le domande che risulteranno di interesse generale verranno pubblicate e discusse in una sezione separata.